Qual è il vero giorno della nascita di Gesù

christmas g2908fca9a 640

Sebbene il mondo occidentale conosca il 25 dicembre come la data di nascita di Gesù, non è necessariamente così per il cristianesimo. Esistono infatti due teorie ampiamente accettate sul giorno della nascita di Gesù. Secondo una teoria, Gesù è nato a settembre.

Questo è il periodo in cui molti studiosi ritengono che sia effettivamente nato. L’idea alternativa, invece, è che Gesù sia nato a novembre. A seconda della posizione e della denominazione del cristianesimo che si segue, una di queste date potrebbe essere considerata “vera” senza necessariamente escludere l’altra. Qual è dunque il vero giorno della nascita di Gesù? Continuate a leggere per scoprirlo!

Nascita di Gesù a settembre

Ci sono un paio di ragioni per cui gli studiosi ritengono che Gesù sia nato a settembre. In primo luogo, il fatto che settembre è la stagione del raccolto in Israele. Il tema del raccolto è comune a tutte le narrazioni di nascita del Nuovo Testamento. Se si volesse creare l’immagine di un re appena nato, quale immagine migliore potrebbe essere utilizzata se non quella di un neonato circondato da covoni di grano e dai frutti del raccolto? L’immagine sarebbe molto adatta e avrebbe un impatto visivo notevole su chi ascolta la storia. L’altro motivo per cui settembre è adatto è che era anche il periodo dell’anno in cui gli ospiti visitavano amici e parenti. Le narrazioni evangeliche dicono che la gente veniva dall’Oriente per trovare Gesù e che anche i pastori gli fecero visita alla nascita. A settembre, ovviamente, faceva più fresco e i pastori erano nei campi con le loro greggi.

Nascita di Gesù a Novembre

C’è un motivo per cui novembre è una delle date suggerite per la nascita di Gesù. È il periodo dell’anno in cui gli ebrei celebravano la Festa dei Tabernacoli, una festa del raccolto caratterizzata dalla maturazione dei datteri. Il mese di novembre sarebbe stato anche più fresco in Israele, il che poteva essere auspicabile per un neonato. A novembre, inoltre, non ci sarebbero stati pastori nei campi vicino a Betlemme, motivo per cui la storia del Natale vede i pastori arrivare alla mangiatoia a febbraio. Se si accetta l’idea che Gesù sia nato a novembre, allora avrebbe senso anche che sia nato in una mangiatoia. Questo perché la maggior parte del raccolto in Israele sarebbe stata terminata in quel periodo dell’anno.

25 dicembre come giorno della nascita di Gesù

La data del 25 dicembre potrebbe essere stata scelta perché era la data in cui i Romani celebravano il compleanno del loro dio del sole, Sol Invictus. Gesù è stato identificato come la “luce del mondo” (Giovanni 8:12). È stato anche chiamato “la luce vera che illumina ogni uomo” (Giovanni 1:9). I primi cristiani si erano convertiti dal paganesimo e avevano imparato ad adorare il sole. Quindi, il 25 dicembre sarebbe stata una data appropriata per celebrare il compleanno di Gesù. Anche se gli storici non credono che il 25 dicembre sia il giorno effettivo della nascita di Gesù, è ancora ampiamente osservato come tale, abbiamo spiegato in questo articolo come il 25 dicembre sia stato scelto per celebrare il natale ma non centri niente con la nascita di Gesù.

La vera data di nascita di Gesù

Come già detto, è difficile trovare la data di nascita di Gesù perché nessuno teneva i registri come facciamo oggi e sicuramente non esistevano le anagrafe.

Le date indicate per la nascita di Gesù si basano su ipotesi e pochi studiosi ritengono che alcune di esse siano certe. Tuttavia, ci sono alcune buone ragioni per pensare che Gesù sia nato a settembre e non a dicembre.

In primo luogo, se ci si fida dei racconti evangelici sulla nascita di Gesù, allora Gesù è nato a Betlemme, una città della Giudea. Betlemme era sicuramente in Giudea al momento della nascita di Gesù, ma non è certo che sia sempre stata in quel territorio. Infatti, le testimonianze delle monete e di Giuseppe, uno storico del primo secolo, indicano che Betlemme potrebbe essere stata in Galilea prima del 4 a.C..

Non è ovviamente molto chiaro visto i collocamenti della storia successa tra Erode e Gesù, una coltre di dubbi che nemmeno gli studiosi sono riusciti ad eliminare.

Si pensa tra l’8 a.c. e il 4 a.c. prendendo come punti di riferimento alcuni importanti avvenimenti trascritti nelle sacre scritture come il censimento di Augusto e la morte di Erode il Grande.

Se questo è vero, avrebbe molto più senso che Gesù sia nato a settembre piuttosto che a dicembre.

Conclusione

Se ci si fida dei resoconti evangelici della nascita di Gesù, è molto probabile che egli sia nato a settembre a Betlemme, in Giudea. Se ci si affida ai resoconti successivi della Chiesa primitiva, allora è probabile che sia nato a novembre in Giudea, vicino al fiume Giordano. Se si dovesse scegliere un giorno in cui celebrare la nascita di Gesù, una qualsiasi di queste date potrebbe essere considerata appropriata. Non ci sarebbe bisogno di sentirsi obbligati a scegliere tra queste date, perché non è necessario avere la certezza del giorno di nascita di Gesù. Alla fine, non ha molta importanza il giorno in cui Gesù è nato. L’importante è celebrare la nascita di Gesù, il Messia e Figlio di Dio, e conoscerlo come nostro Signore e Salvatore.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *