Ciò che resta del Tempio di Gerusalemme: Uno sguardo alla sua struttura e alla sua storia

jerusalem gf7a97181a 1280

Guardando lo stato attuale del Tempio di Gerusalemme, è chiaro che il progetto di costruire un Terzo Tempio nella città non è andato così bene come ci piacerebbe pensare. Per essere sicuri, la situazione attuale del Tempio non è delle più ideali. Il Monte del Tempio è stato accessibile solo a coloro che sono stati in grado di presentare un gettone religioso per entrare nel Santo dei Santi. In altre parole, lo status quo attuale non è sicuro o confortevole.

Possiamo attribuire questo deludente “non andare bene” a una serie di fattori. Forse non avremmo dovuto dare per scontato che l’attuale progetto di costruire un Terzo Tempio a Gerusalemme sarebbe stato un successo clamoroso. Forse non è destino e semplicemente non stiamo guardando il tempio giusto in questo momento. È in questo momento che il Tempio di Gerusalemme ha bisogno di essere rimodellato e ridefinito.

Per molti, Gerusalemme è sempre stata sinonimo di Tempio. L’associazione della città con il Santo dei Santi del Tempio ha fatto parte del suo DNA culturale fin dall’inizio. Tuttavia, molto di ciò che rende Gerusalemme Gerusalemme è cambiato nel corso della storia.

Il Tempio è scomparso, è stato distrutto, ricostruito e persino spostato. L’attuale progetto di costruire un Terzo Tempio a Gerusalemme è parte di uno sforzo più grande per riscoprire il legame della città

Forse ti potrebbe interessare: Bestemmiare in Italia è reato?

Perché il progetto di costruire un terzo tempio a Gerusalemme è importante

Il Tempio di Gerusalemme è uno degli edifici religiosi più significativi del mondo intero. La sua struttura e la sua storia hanno profondamente influenzato il pensiero e la pratica internazionale e religiosa. Il Tempio di Gerusalemme è il terzo tempio che Dio ha creato sulla terra. Il primo fu a Gerusalemme, la città che Dio scelse come sua capitale, e il secondo fu ai tempi di Mosè, situato esattamente dove oggi si trova la Chiesa di San Pietro a Gerusalemme.

La storia del Tempio di Gerusalemme è intrecciata con la storia delle città di Giuda e Israele. Nelle parole del Prof. Goldstein:

Il primo e il secondo Tempio non furono costruiti in un giorno o due, ma furono il culmine degli sforzi dei popoli per molte generazioni. Il Terzo Tempio sarà costruito come parte dello stesso progetto, ma in un luogo diverso, perché la richiesta di spazio per il tempio è cresciuta e cambiata nel corso dei secoli. L’ubicazione del Terzo Tempio deve riflettere questa domanda, così come la disponibilità del terreno.

Il futuro del Tempio di Gerusalemme

Il destino del Tempio di Gerusalemme è legato al destino dello stato di Israele. Se il popolo israeliano tornerà nella terra che Dio gli ha promesso, allora il Tempio sarà di nuovo santificato dalla presenza del Signore Dio Onnipotente. Infatti, se il Tempio dovesse essere ricostruito, allora gli israeliani dovrebbero tornare nella terra che Dio ha dato loro.

Se questo non accade, allora forse non c’è bisogno di ricostruire il Tempio di Gerusalemme. Forse i nostri sforzi hanno avuto abbastanza successo senza di esso. La domanda allora diventa: Lo stato di Israele sopravviverà come nazione? Se no, allora è probabile che il futuro del Tempio di Gerusalemme sarà anche legato al futuro dello stato di Israele. I due rimarranno probabilmente strettamente intrecciati anche dopo la venuta del Messia.

Forse ti potrebbe interessare: Cos’è il Santo Graal?

A che punto del tempo Gerusalemme è stata identificata con il Tempio?

L’identificazione del sito del futuro Tempio con la Casa del Signore, come raffigurato nel libro biblico di Ezechiele, è stata a lungo presa come prova che la città fosse la sede del Tempio. Tuttavia, questa identificazione è dubbia nel migliore dei casi e completamente errata nel peggiore. È spesso collegata alla cattività babilonese degli ebrei, ma non c’è alcuna prova storica o archeologica per questo.

In quale anno fu distrutto il Tempio di Gerusalemme?

Nel 597 a.C. i persiani sotto Artaserse III invasero Israele e catturarono Gerusalemme. Stavano cercando la città da più di un decennio. Durante il suo regno Artaserse costruì un’autostrada tra Susa, in Persia, e la Città di Davide, ma lasciò la zona intorno a Gerusalemme non sviluppata.

Nel 438 a.C. Serse I, nipote di Artaserse, ampliò il sistema stradale e la rete di ponti di Artaserse e collegò Susa e la Città Santa.

Nel 332 a.C. Alessandro il Grande conquistò la Persia e poi si diresse verso sud, verso Gerusalemme. Nel 331 a.C., dopo aver distrutto Babilonia, Alessandro si recò ad Egitto dove morì, probabilmente assassinato.

Nel 323 a.C., sotto il regno di Filippo di Macedonia, la Città Santa fu conquistata da un esercito macedone guidato da Cratero.

La storia della distruzione del Tempio di Gerusalemme ebraico è molto complessa e controversa e va ben oltre il semplice riferimento alla distruzione del Tempio nel 586 a.C.. La leggenda che l’antico Tempio sia stato completamente distrutto dai babilonesi, tramite un incendio, è una leggenda nata nel Medioevo. In realtà i babilonesi non distrussero nulla.

L’anno 586 a.C. fu il primo anno della 52ª Sedizione dei Babilonesi e l’anno 585 a.C., il secondo anno di quella sedizione.

Nel 586 a.C., Nebucadnetsar II conquistò Gerusalemme e deportò la maggior parte del popolo israelita in Caldea e in altre regioni dell’impero babilonese, lasciando però intatto il Tempio di Gerusalemme, che era stato costruito da Salomone (1 Re 6:7).

Dopo la conquista di Babilonia da parte di Ciro, il re di Persia, nel 538 a.C., Ciro fece ritorno in Persia e lasciò il suo generale, Nehemia ben Hachaliah, per governare la regione.

Ciro aveva decretato che i suoi sudditi avessero libero accesso al Tempio ebraico (Esdras 1:2). Nel 537 a.C., Nehemia riuscì ad ottenere dai babilonesi che l’editto di Ciro fosse applicato anche alle regioni governate da lui (Neh 2:8-9).

Nehemia ben Hachaliah rimase come governatore della regione finché non fu cacciato dai greci con una ribellione contro i persiani nel 410 a.C. (Neh 13:6).

L’anno 586 a.C., quindi, non è il giorno della distruzione del Tempio di Gerusalemme, ma l’anno in cui la conquista babilonese del regno di Giuda fu completata e che i babilonesi rafforzarono il controllo sulla regione.

Come è stato distrutto il Tempio di Gerusalemme?

Il giorno della distruzione del Tempio è il giorno in cui i babilonesi lo saccheggiarono e lo bruciarono.

Questo è quello che si dice nel Secondo Libro dei Re (25:9-10; 26:8; eccetera).

Nel 586 a.C., Nebuzaradan, il comandante di Nabucodonosor, invase Gerusalemme e la distrusse (2 Re 25:1-11). Egli portò via gli oggetti preziosi dal tempio e fece prigionieri i cittadini che poterono essere venduti come schiavi (2 Re 25:8-9).

Soltanto rimasero alcune parti del tempio, come le mura, un po’ di pietre e la fonte dell’acqua (2 Re 25:10-11; 2 Cr 36:18).

Egli lasciò il resto della città con le sue mura.

Nebuzaradan, il comandante babilonese, fece anche una lista di tutti i giovani che erano sopravvissuti alla distruzione del tempio e che non erano stati venduti come schiavi. Questi giovani furono di nuovo reclutati per servire come schiavi a Babilonia.

Lo stato attuale del Tempio di Gerusalemme

Il Monte del Tempio, o Haram al-Sharif in arabo, è il sito del terzo sito più sacro dell’ebraismo, dopo il Monte del Tempio a Gerusalemme e la Moschea al-Aqsa nella Città Vecchia. È anche il terzo sito più sacro dell’Islam, dopo la tomba del profeta Maometto.

Anche se il Monte del Tempio è sempre stato il luogo di una sorta di raduno religioso, era in realtà sotto il controllo ebraico dai tempi del re Davide fino al III secolo a.C. Durante questo periodo, gli ebrei conosciuti collettivamente come gli amministratori del Tempio usavano il monte come loro centro amministrativo.

Nel I secolo a.C., i Romani conquistarono Gerusalemme e presero il controllo del Monte del Tempio. Agli ebrei fu permesso di mantenere il controllo del monte, ma fu loro richiesto di risiedere nel quartiere ebraico di Gerusalemme.

Durante il primo secolo d.C., in seguito alla Rivolta ebraica contro l’Impero, i Romani ricostruirono il complesso del Tempio sul Monte del Tempio. Inoltre, spostarono il Tempio di Giove il Rinomato, che si trovava sul lato sud del Monte del Tempio, sul lato nord. Hanno anche costruito un enorme muro che circonda l’intero Monte.

Questa è la struttura che rimane oggi.

Cosa rimane del Tempio di Gerusalemme?

L’attuale piano per la costruzione di un Terzo Tempio a Gerusalemme vuole essere il fulcro di un più ampio progetto di riscoperta della città. Il Monte del Tempio e la Chiesa del Santo Sepolcro sono i due elementi chiave inclusi in questo progetto più ampio.

Il problema con il piano è che sembra essere stato progettato con uno degli elementi in mente per primo. Il Monte del Tempio, come previsto, manterrebbe solo una minima parte del suo significato storico e religioso. La metà orientale del Monte, che è l’area intorno alla Chiesa del Santo Sepolcro, sarebbe coperta da un enorme parcheggio e da un complesso commerciale.

La metà occidentale del Monte, che è l’area che i cristiani visitano per venerare le tombe dei loro apostoli e di altri santi cristiani, verrebbe rimossa dal processo di pianificazione.

Chi costruì il secondo tempio a Gerusalemme?

Il secondo tempio non fu costruito in un giorno. Infatti, fu il risultato di un lungo processo di pianificazione e costruzione, modellato dalle circostanze del tempo, del luogo e dell’ambiente. Fu una costruzione in cui i costruttori lavorarono con pochissime informazioni. Non c’erano progetti o piani su cui contare. Dovevano costruire un edificio che si adattasse al sito, al budget che avevano a disposizione e al materiale che potevano trovare nella zona.

Non solo l’edificio in sé era complicato, ma richiedeva anche l’ingegnosità degli ingegneri e l’abilità del muratore di montare l’edificio. Gli ingegneri avrebbero dovuto progettare un edificio con un tetto a falde ripide, muri inclinati e fondamenta aperte. Il muratore doveva riprodurre queste caratteristiche per costruire una struttura che si adattasse al sito esistente.

In conclusione

Nessuno utilizzò un progetto per costruire il secondo tempio, e non ci furono piani o progetti di cui poter disporre. I costruttori lavorarono con pochissime informazioni e senza avere un piano preciso. Ecco perché è importante che noi facciamo lo stesso, affidandoci alla sapienza divina.

Abbiamo quindi visto cosa resta del tempo di Gerusalemme, approfondendo la storia dei templi e della loro distruzione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *