La Coroncina alla Divina Misericordia e le sue promesse

La coroncina della Divina Misericordia fu data da Gesù a Santa Faustina Kowalska il 13 e 14 settembre 1935 a Vilnius in Polonia, dove la affidò come preghiera di intercessione per la misericordia in tutto il mondo; ma lei non gli diede solo questo potere! La recitazione della suora è stata perfezionata nel tempo attraverso un continuo affinamento con molte persone diverse in tutta Europa che hanno ottenuto anche grandi promesse legate solo se hanno chiesto “tutto” a Nostro Signore quando usavano questa coroncina (Qq 192-193).

1) La Coroncina alla Divina Misericordia ha il potere di conversione e di remissione dei peccati nell’ora della morte, anche se sei un peccatore incallito. Quando viene recitata vicino a una persona che sta morendo, Gesù si metterà tra il Padre in cielo e quella persona in modo che possa essere salvata dalla sua sola grazia – non perché lo meriti, ma per fedeltà da parte nostra

2). Facendo così agisco sia come Giudice giusto (lato legittimo), sia come Salvatore misericordioso (lato grazioso); questa preghiera è stata data per quelle anime che si avvicinano ai loro ultimi momenti.

Gesù, sapendo che l’inferno attende coloro che non saranno redenti dalla sua misericordia e carità (Giovanni 15:10) fa un appello ai sacerdoti affinché non solo insegnino la fede ma offrano anche la salvezza agli individui. Egli dice “recita questa preghiera nella tua ultima ora se desideri la vita eterna” – riferendosi specificamente a quelle tre promesse fatte sul Mio Divino Piacere che sono così grandi che possono decidere il nostro destino sulla terra o in cielo per sempre!

Gesù allegò una promessa chiaramente definita alla Preghiera nell’Ora della Misericordia. Da nessuna parte ha detto che per quest’ora di preghiera si deve recitare anche la coroncina per tutta la sua durata o in qualsiasi momento durante le ore del giorno – solo quando ci si sente pieni di misericordia quei grani saranno sufficienti!

Come funziona la preghiera con la coroncina ?

Oggi vediamo come funziona la preghiera con la coroncina della divina misericordia.

“Con essa otterrai tutto, se quello che chiedi è conforme alla Mia volontà”.

Gesù riassunse concisamente le tre condizioni necessarie perché le preghiere in quell’ora siano esaudite.

– la preghiera deve essere diretta a Gesù e dovrebbe aver luogo alle tre del pomeriggio, ora della sua morte;

– deve riferirsi ai meriti della Sua dolorosa passione.

La recita con la coroncina della misericordia deve avvenire in questo modo:

Facciamo il Segno della Croce, Padre Nostro, Ave Maria, Credo

Sui grani della coroncina della misericordia del Padre Nostro si recita:

“Eterno Padre, io ti offro il Corpo, il Sangue, l’Anima e la Divinità del Tuo dilettissimo Figlio e Signore nostro Gesù Cristo, in espiazione dei nostri peccati e di quelli del mondo intero”.

Sui grani della coroncina dell’Ave Maria si recita:

Per la sua dolorosa Passione, abbi misericordia di noi e del mondo intero.

Alla fine della preghiera si recita per 3 volte:

Santo Dio, Santo Forte, Santo Immortale, abbi pietà di noi e del mondo intero

Si conclude la preghiera facendosi li Segno della Croce.

Recitando la coroncina ci uniamo all’offerta di Gesù fatta sulla croce “in espiazione dei nostri peccati e di quelli del mondo intero”. In essa offriamo a Dio Padre il Suo Amatissimo Figlio e dunque ci appelliamo al “motivo più forte per essere esauditi da Dio” (R., p. 27).

A cosa serve la Coroncina della Divina Misericordia?

Il sacerdote raccomanderà questa coroncina ai peccatori come ultima tavola di salvezza, anche se sono tra i peccatori più incalliti e sono stati senza speranza per tutta la loro vita. Anche una sola recita concede loro la misericordia della mia grazia infinita.

Il suo utilizzo è infatti condizionato ad una situazione particolare, niente di più inosservante di abusare di questo strumento molto importante nella nostra relazione con Gesù nostro signore.

Quando si recita la coroncina della Divina Misericordia?

La coroncina della Divina Misericordia viene spesso recitata alle tre del pomeriggio. La ragione di questa credenza deriva da una mancanza di comprensione di ciò che significa avere un culto e una formula di preghiera basata sulla prospettiva di Suor Faustina sulle cose, ma anche perché molti si trovano a pregare costantemente durante la sua giornata in modo da essere preparati in anticipo se mai ci fosse bisogno di qualcosa come questa
Come potete vedere qui ci sono due buoni punti che vale la pena esplorare: in primo luogo perché nessuno sa quanto siano importanti queste pratiche? E in secondo luogo, le persone dicono semplicemente le preghiere ad alta voce senza pensare troppo prima di parlare, invece di dire semplicemente la preghiera sul cibo o su qualche altro evento quotidiano

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *