Accompagnare e affrontare il lutto

Un impegno comunitario che richiede la partecipazione di tutta la comunità è il lutto e la dimora comune dopo una morte, accompagnare il lutto se subito in prima persona o per vicinanza nel dolore ad una persona cara, non è qualcosa che può essere gestito da specialisti; riguarda tutti in vari modi, compresi gli operatori sanitari, gli amici, i parenti, i colleghi, i vicini e le comunità cristiane nel loro insieme, ultimamente questa tematica della elaborazione del lutto è tornata prepotentemente alla ribalta

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), più del 20% degli adulti soffre di disturbi mentali o comportamentali dopo aver perso una persona cara. Per questo l’OMS raccomanda il supporto sociale durante il lutto e il supporto sociale per le persone che soffrono di una malattia terminale. Il tema di come affrontare il lutto è una componente importante non solo come palliativo nell’accompagnamento al lutto ma proprio come gestione degli eventi.

Accompagnare il lutto

Possiamo avere solo un’esperienza di morte: la morte di persone a cui teniamo, persone che conosciamo e amiamo. La morte ci lascia soli; infatti, poiché la prospettiva dell’isolamento totale ci terrorizza, è proprio per questo che abbiamo paura della morte.

Questi giorni di epidemia, in cui è fondamentale prevenire le infezioni e il sovraffollamento degli ospedali, rendono la perdita di persone care ancora più dolorosa e terribile. L’impossibilità di essere vicini e di accompagnare la propria famiglia e gli amici durante la fase più difficile della malattia si aggiunge all’agonia del morire – della morte.

Il dolore di essere separati dai propri cari è aggravato da un senso di impotenza e di colpa. Li immagina soli, incapaci di incontrarli o contattarli. E a volte, quando la persona che è stata ricoverata viene dimessa dall’ospedale e torna a casa sua, questo desiderio si realizza. Molte volte i parenti hanno detto che “sarebbe così bello se solo potessi morire nello stesso letto dove è morto mio padre”, ha detto un giovane uomo a proposito di sua madre.

Tutto ciò è particolarmente devastante perché ci impedisce di vedere, stringere e onorare i corpi dei nostri cari morti, nonché di osservare le usanze cristiane con le nostre famiglie e i nostri amici. C’è un dolore nel dolore che manda in uno stato di desolazione e ingiustizia.

Una dimensione per affrontare il lutto

Il periodo di riflessione e rielaborazione che attraversiamo quando se ne va una relazione stretta è noto come lutto. Non esiste pianto senza la rottura di un caro legame d’amore e d’amicizia. Il lutto, che prova ed esprime dolore per qualcuno che non c’è più da gestire con sensibilità, è segnato dal pianto.

Di questi tempi non c’è tempo per il lutto: non c’è un posto per piangere insieme. Siamo privati di un diritto fondamentale: l’opportunità di piangere con coloro che abbiamo conosciuto e amato in tanti modi, con cui abbiamo vissuto la vita o fasi significative di essa, e che sono morti

.Non abbiamo molto tempo per piangere. Dobbiamo difenderci dal sentimento e dalla sofferenza, resistere per non essere sopraffatti dalla paura: non possiamo attraversare questo dolore che è intrinsecamente parte della vita.

Sembra che non si possa più piangere un proprio lutto e le emozioni sono diventate sterili, una sorta di vergogna nell’affrontare la mancanza e l’improvviso evento che ci porta a scrivere profondi solchi nel nostro percorso quotidiano .Cosa accadrebbe se smettessimo di cercare di evitare il dolore e la sofferenza? E se, invece di proteggerci dalle inevitabili crisi che colpiranno la nostra vita, le usassimo come eventi che possono insegnarci a vivere meglio? E se affrontare la sofferenza con forza e speranza significasse uscire dalla routine della vita?

Quali sono i modi per piangere concoloro che amiamo? Una possibilità è quella di creare opportunità di lutto come modo di condividere il carico e il dolore.

Abbiamo bisogno di spazio e tempo, sia in piccoli gruppi che in riunioni familiari dove ognuno può condividere il proprio dolore, abbracciare le lacrime dell’altro, sentire il sostegno di coloro che vogliono essere presenti senza cercare di evitare o nascondere il proprio lutto.

Affrontare il lutto in compagnia aiuta a metabolizzare il dolore

Il lutto si subisce, in maniere e forme diverse ma difficilmente si riesce a non essere passivi nel caso di un lutto familiare, che siamo noi ad aver subito un lutto o un nostro conoscente vicino, avere una spalla amica dove piangere un lutto diventa importante e molte volte fondamentale.

Non è necessario essere invadenti o curiosi, ma è essenziale superare la propria timidezza e trepidazione nell’avvicinarsi e nell’impegnarsi con le persone.

Se qualcuno si avvicina, il guscio si apre, permettendo a sentimenti, emozioni, parole, singhiozzi e lacrime di fluire. In questo modo l’io non è solo, ma sente un profondo legame di comprensione e amore, non c’è colpa per averlo aperto perché ci sono molte persone che comprendono il nostro dolore e ci permettono di esprimere il nostro dolore senza paura o giudizio.

Niente è più prezioso di un ascolto genuino affinché il dolore possa essere espresso. Solo in questo modo può essere espresso e sentito in modo più efficace, ma si libera anche la pressione del dolore e si apre la strada al ricordo.

Dobbiamo superare la nostra naturale resistenza a chiamare o scrivere per entrare in contatto con persone che hanno perso i loro cari, specialmente se siamo sacerdoti religiosi.

Anche per chi si avvicina e ascolta, il lutto non è semplice da accettare completamente. Rabbia, tristezza e un sentimento di desolazione sono tutti spaventosi, perché mettono in discussione e toccano la nostra paura e angoscia davanti alla morte.

L’ascoltatore potrebbe essere tentato di affidarsi a formule scientifiche o religiose che fanno appello al destino o alla volontà di Dio.

È facile acquisire una grande quantità di conoscenze quando si impara con le formule. Sembrano spiegare, ma in realtà non hanno senso; sono la nostra via d’uscita e meccanismi di protezione, a volte aggressivamente conflittuali sia verso le persone che verso Dio, e non fanno che rendere ancora più solo chi già soffre: servono solo come strategia d’uscita senza impegnarsi.Dobbiamo tenere presente che il lutto fa parte della nostra vita, ma perdere una persona cara non significa dover perdere tutto. Si perdono solo i giorni in cui erano vivi, ciò che contava per loro o ci riguardava è rimasto lì, anche se anche loro non ci sono più.

Eppure ci vuole tempo prima che il dolore si attenui e finisca per diventare scarso.

La persona amata non è più presente, ma possiamo ancora trovarla nei ricordi, e questo è un aspetto positivo del lutto. I ricordi contengono dolore, senso di colpa e rabbia per l’assenza dei nostri cari. Ma i ricordi includono anche momenti felici pieni di amore e affetto, che a volte ci danno conforto alleggerendo o confortando il cuore.

Il ricordo del lutto e il racconto per superare il dolore

Il romanzo continuerà a svilupparsi, contrapponendo il narratore ad un cast di personaggi che assume diverse forme e personalità. Il protagonista della narrazione è definito da due forme: una (storicamente) femminile; l’altra maschile.

Le permette di ricordare e ricordare è il cuore di una narrazione, una connessione, un viaggio condiviso, un’amicizia: “Chi era lui per me? Non sarei chi sono senza di lui! Quali sono i primi ricordi che le vengono in mente?”

Nella tristezza si perde per sempre qualcosa, ma si crea anche una cosa nuova perché il rapporto con il defunto può essere ripristinato in modo più interno e spirituale. Nella tristezza, una forte corrente emotiva è minacciata poiché la connessione con il defunto non è fisica, ma oltre il tempo e lo spazio.

Il dolore ci invita ad andare dentro e a cercare i nostri ricordi più interni e cari, ci collegano con il passato e lo rendono presente: “È caduta in silenzio. Sapevo cosa stava pensando”

Attraverso questo processo il dolore diventa un viaggio; troviamo ricordi che ci confortano quandosono vicini alla disperazione; ci colleghiamo con persone che comprendono il nostro dolore; e la memoria diventa un atto di solidarietà quando cerca di riconciliarci con il passato.

Afflitti dal dolore, i ricordi possono diventare irrevocabili o insopportabili, ricordi sono come ricordi che non hanno più bisogno di commenti o spiegazioni.

La memoria del dolore

È così che il racconto resuscita la memoria, iniziando una lunga e intricata metamorfosi che colpisce coloro che sono rimasti, a volte al punto di provocare in loro cambiamenti significativi.

In quei giorni, quando il panico per le malattie dilaga e si osservano le precauzioni necessarie, non è possibile procedere con i tradizionali rituali di addio. È quando una comunità si riunisce per elaborare il lutto e accettare l’eredità di coloro che passano che si festeggia.

Per questo oggi è ancora più essenziale stabilire segni importanti, come fare gesti semplici che abbiano un significato e ci aiutino a riconnetterci con le origini della nostra vita.

Ci sono i gesti di preghiera, i ricordi di una persona cara e la ricerca di una parola che apra l’oscurità da incubo della morte alla rinascita.Ma lasceremo le cose come stanno.L’accompagnamento corale è composto da tre fasi consecutive: La prima fase, chiamata “accompagnamento”, si concentra sullo stare accanto alla persona che ha subito un lutto. La seconda fase, chiamata “abbracciare”, incoraggia la solidarietà comunitaria e impegna tutto il gruppo ad accettare l’eredità di chi è morto.

Infine, c’è una terza fase, chiamata “celebrare”, che mira a ripristinare la persona persa come un ricordo prezioso e ad aiutare chi è rimasto a riorientarsi verso la vita.

La perdita è un’esperienza universale che attraversa tutte le frontiere, le culture e le ideologie, per questo abbiamo bisogno di un compito corale per abbracciarla in solidarietà con coloro che decidono di condividere il dolore.

Un funerale è una celebrazione della vita e della morte, e fino a poco tempo fa era l’ultima occasione per salutare e unire chi è stato lasciato con chi ci è stato tolto.

Nel mondo di oggi, però, non ci sono più funerali tradizionali in cui le persone possono incontrarsi insieme, molte volte il lutto rimane una semplice cerimonia sempre meno partecipata.

Accompagnare l’elaborazione del lutto

Un’ultima tappa è necessaria per accompagnare l’elaborazione esistenziale del lutto: poter offrire un segno significativo di condoglianze in memoria del defunto.Questo è l’equivalente di posare fiori sulla tomba della persona a noi cara che è venuta a mancare.

Una certa distanza, anche effimera, è un atto che allarga la rete della memoria in cui sono inseriti. E quando le lacrime cadono senza vergogna, quando si fanno domande senza paura di essere chiamati

Quando i nostri stessi ricordi sbiadiscono e muoiono, la morte stessa diventerà una storia lontana danto spazio alla semplicità del ricordo emozionale.

Questo atto di gentilezza potrebbe essere spontaneo in famiglia o sollecitato da persone vicine e amici che hanno interessi simili.Troviamo l’idea di questo tipo di eredità in molte religioni, che la vedono come un modo per assicurare che il defunto continui a vivere attraverso amici che lo ricordano e attraverso legami come l’amicizia o l’amore.

Il viaggio memoriale è fatto di piccoli passi che si ripetono ogni giorno durante la nostra vita. Diventarne consapevoli ci aiuta ad andare oltre le nuvole

Questo segno aiuta a ripristinare una quantità significativa di amore: Un gesto d’amore per persone vulnerabili o per il bene maggiore della propria comunità civile o religiosa; un passo verso la guarigione interiore o esteriore; rendersi disponibile per una causa di giustizia, compassione per persone vicine e lontane o creazione.

Una varietà di segnali e gesti fisici e verbali sono utili perché iniziano a raccogliere un ricordo che coinvolge, segna l’esistenza e aiuta a rimettersi in cammino in modo nuovo. Il periodo di lutto non riguarda solo la tristezza, ma anche il ricevere con i ricordi e le buone esperienze incluse.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *